Chi Siamo

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. ha per oggetto sociale la gestione dell’esercizio della Casa da Gioco di Venezia. La società ha, altresì, per oggetto lo svolgimento delle attività e funzioni per l’esercizio dei giochi pubblici, tramite la raccolta a distanza, come concessionario autorizzato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. è, inoltre, titolare del marchio “Casinò di Venezia”. Casinò di Venezia Gioco S.p.A. propone i suoi giochi on line come forma legittima e legale di divertimento, in cui il denaro costituisce solo un elemento aggiuntivo di sfida e quindi di piacere.

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. promuove un consumo responsabile, informato e commisurato alle possibilità dei clienti, aiutandoli a non superare le soglie e i limiti che essi stabiliscono per il loro divertimento.

Casinò di Venezia è contro ogni eccesso e abuso che possa trasformare il gioco on line da attività piacevolmente ludica a situazione problematica che possa avere impatti negativi sulla vita quotidiana dei clienti o dei loro familiari.

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. è partecipata al 100% da CMV S.p.A. che è soggetta alle attività di coordinamento e controllo da parte del Comune di Venezia che detiene la totalità della partecipazione azionaria.

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da tre membri: il Presidente Maurizio Salvalaio e i Consiglieri Simone Cason e Adriana Baso. Il controllo della Società è affidato ad un Collegio Sindacale composto dal Presidente del Collegio Sindacale Alessandro Danesin, dai Sindaci Caterina Cosulich e Arcangelo Boldrin.

Casinò di Venezia Gioco S.p.A. ha sede sociale nel Comune di Venezia, in Cannaregio 2040, 30121 Venezia. Le sedi operative si trovano a Ca’ Vendramin Calergi (Cannaregio, 2040, 30121 Venezia) e in Ca’ Noghera (Via Paliaga, 4, 30030 Ca’ Noghera).

CONVENZIONE PER IL RAPPORTO DI CONCESSIONE RELATIVO ALL’ESERCIZIO A DISTANZA DEI GIOCHI PUBBLICI DI CUI ALL’ARTICOLO 1, COMMA 935, DELLA LEGGE 28 DICEMBRE 2015 N. 208